Istituto Alfred Adler di Milano

Blue Colour Green Colour Orange Colour Red Colour

NOTA! Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

seminari

news

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001.
Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi a webmaster@scuolaadleriana.it che provvederà alla loro pronta rimozione.

Alfred Adler e Pier Paolo Pasolini due corsari avventurosi

Alfred Adler in “Psicologia del bambino difficile” 1 scrive: «Il nostro vero compito sarà la pratica: nessuna educazione può essere costruita nel vuoto. Dovrete combattere con le difficoltà che derivano da interpretazioni diverse dalla ricerca scientifica. Daremo il benvenuto a qualsiasi confronto, perché siamo tolleranti: dovrete studiare altre teorie e altri punti di vista, mettere tutto a confronto con molta cura, e non credere ciecamente a nessuna “autorità”, neppure a me» (65, p. 3). Pier Paolo Pasolini (1975) con

Non c’è psicoterapia se non nel segno della speranza

Non basta soltanto la tecnica e la routine diagnostica per incoraggiare, in quanto il paziente è soprattutto una persona, non soltanto un caso clinico.

2013-01-28 09-16-34 256

Incoraggiare significa armonizzarsi con le intermittenze del cuore e della mente del paziente in sinfonie di ritmi condivisi, unici e, quindi, irripetibili.